Cerca nel Sito

Login

Cittadinanza Attiva e Legalità

   

     Nel nostro Istituto si favorisce la partecipazione attiva di bambini/e e ragazzi/e alla vita della Comunità locale per avviare gli alunni all'esercizio concreto della democrazia e della cittadinanza attiva, attraverso il confronto e il dialogo con i coetanei e le istituzioni.

Diverse sono le iniziative a cui partecipano i nostri ragazzi nel corso dell'anno, a scuola, per incontri dedicati, o nel territorio...

 

 

 

ANNO SCOLASTICO 2018 - 2019

 

 

 "RIDIAMO VITA A VECCHI GIOCHI....per far felici altri bambini"

 

A conclusione di quest’anno scolastico, nell’ambito dei Progetti di Cittadinanza e Costituzione, le classi prime della scuola primaria hanno svolto diverse attività relative ad un microprogetto denominato “ridiamo vita a vecchi giochi..per far felici altri bambini” con l’intento di educare gli alunni alla convivenza democratica, alla collaborazione, alla cura dell’altro e al riciclo e riutilizzo di vecchi giochi accantonati, diventati merce di scambio in una sorta di baratto emotivo con “amici” sconosciuti e meno fortunati. Per questo, partendo da una storia dal titolo “Sempronilla e la...rivoluzione dei giocattoli” e con la preziosa collaborazione dei genitori e dei piccoli è stata creata una “bacheca dei ricordi” in cui ogni alunno ha disegnato il giocattolo che avrebbe regalato ad un suo coetaneo.

In seguito sono stati recuperati i diversi giocattoli in ottimo stato, rivisitati e preparati per essere donati a bambini meno fortunati, ospiti di strutture di accoglienza presenti nell’hinterland barese. Davvero commoventi e piene di emozioni le letterine che ogni bambino ha scritto per accompagnare il proprio giocattolo nel...viaggio verso l’ipotetico amico che lo avrebbe ricevuto.

La manifestazione finale del suddetto progetto si è svolta l’11 giugno presso i locali della scuola Cianciotta e ha visto impegnati non solo gli alunni con canti e vecchie conte, ma i genitori rappresentanti di classe, e i presidenti di tre associazioni che si occupano di accoglienza: Associazione Clio di Sammichele di Bari, Cooperativa Il sogno di Don Bosco di Bari e Cooperativa Aliante sempre di Bari che a fine manifestazione hanno ricevuto dalle mani dei bambini un numero notevole di giocattoli, frutto del lavoro di tutte le classi prime. In cambio agli alunni è stata donata, dai Presidenti delle associazioni su menzionate, una grande scatola a forma di cuore con all’interno una lettera simbolica colma di emozioni e ringraziamenti per la spiccata sensibilità dimostrata e per il grande gesto del “dono”.

giocattoli primaria1  

                                                                                                                                 

                                                                                                                              La referente cittadinanza

                                                                                                                            dott.ssa Claudia Colabelli Gisoldi

 

 

 

 

"ECOmpetenze in MOSTRA" 

 

Un tripudio di voci e di colori ha animato i pomeriggi del 6 e 7 Giugno, quando il Plesso “Modugno” si è trasformato in una splendida galleria d’arte, offrendosi all’ammirazione di alunni, genitori, nonni e di chiunque abbia preso parte alle manifestazioni conclusive di fine anno scolastico.
Nello specifico, gli allestimenti, allocati nei diversi spazi dell’androne, hanno rappresentato la sintesi dei due Percorsi progettuali di Cittadinanza e Costituzione, rivolti a tutte le classi.

Relativamente al Progetto LA SCUOLA CHE HO IN MENTE, gli alunni delle Classi Prime e Seconde si sono cimentati nell’elaborazione non solo di testi creativi, ma anche nella realizzazione di disegni e plastici, rappresentando con minuzia di dettagli ambienti scolastici ed arredi, tenendo debitamente conto dei parametri relativi all’ecosostenibilità. Lodevole l’impegno dei ragazzi che, entusiasmati dalle tematiche progettuali affrontate nel corso dell’anno scolastico, si sono resi parte attiva di questa significativa esperienza, mettendo in campo competenze, abilità e conoscenze.

IMG 20190624 WA0004  IMG 20190622 WA0000  IMG 20190624 WA0003 

Case di bambola e giocattoli realizzati con l’impiego di materiali da riciclo sono stati, inoltre, esposti alla vista compiaciuta di tutti i presenti, specie dei bambini, ospiti graditi di questi ultimi pomeriggi di scuola. La scelta di donare ai plessi dell’Infanzia questi piccoli capolavori, opera degli alunni delle Classi Terze, si è coniugata perfettamente con la finalità del Progetto IO E L’ECONOMIA: trasmettere ai piccoli il senso e l’importanza del risparmio e del riciclo, promuovendo l’economia circolare, una filosofia di vita che si oppone alla formula dell’usa e getta e valorizza, nel contempo, uno stile di vita etico e rispettoso dell’ambiente.

Gli stand espositivi si sono arricchiti della presenza della dott.ssa Lagravinese, esperta della Cooperativa Iris che ha invitato grandi e piccoli a cimentarsi in prove di abilità con l’uso di materiali naturali, offrendo a tutti un segnalibro “misuratore dell’impronta ecologica”.

Un particolare elogio lo si deve alle alunne e agli alunni che hanno guidato i visitatori lungo il percorso espositivo, delineando con abilità oratoria le tappe principali dei due Progetti ed esplicitando le caratteristiche tecniche dei manufatti. Gli stessi intervenuti, successivamente, sollecitati dai ragazzi, hanno scritto su post it commenti e riflessioni, tessendo lodi agli alunni per il mirabile impegno e le spiccate doti creative.

Ancora oggi, a pochi giorni dalla fine dell’evento, occhieggia, tra gli altri, il messaggio ottimistico del nostro Sindaco, dott.ssa Pascazio Fiorenza, che ha risposto, puntuale come sempre, al nostro invito, ascoltando con interesse ed ammirazione gli interventi dei ragazzi. A Lei il nostro sincero grazie, così come alla nostra Dirigente Scolastica, dott.ssa Ambrosio Carla.

Grazie a questa nostra “scuola” che continua a vivere e a narrarsi nelle sue straordinarie contraddizioni. Una scuola che ha il profumo di una seconda casa. Una scuola dove la resilienza non rappresenta un’eco vuota, ma una parola piena di senso e stupendamente veritiera.

                                                                                                          PROF.SSA SQUICCIARINI MARIA TERESA
                                                                                                        FUNZIONE STRUMENTALE AREA 4

 

 


 

Il 2 giugno, festa della Repubblica, pur se di domenica, per i ragazzi e le ragazze delle classi terze del nostro Istituto non è passato inosservato.
Il Dipartimento di Lettere della Scuola Secondaria di primo grado ha accolto, per il secondo anno, l'invito del Gruppo Intrerforze OdV di Palo del Colle e le docenti hanno avviato discussioni ed attività in aula con gli alunni e le alunne delle classi in uscita, finalizzate all'elaborazione di testi e manufatti artistici aventi come tema la riflessione sul Senso Civico e sulla festa dedicata alla nostra Repubblica.
Diciassette ragazzi e ragazze dell'Istituto hanno così soffermato la propria attenzione sulle tematiche individuate, concorrendo per l'assegnazione delle Borse di Studio in memoria dei concittadini P.M. Centola Martino e del Caporal Maggiore Scelto Pascazio Luigi e del palese Ing. Battista Claudio.
Così nella mattina del 2 giugno, i ragazzi, con le loro famiglie e i loro docenti si sono incontrati con i compagni delle scuole dell'altro Comune coinvolto, a Palo Colle in Piazza S. Croce, dove hanno assistito a cerimoniali di alto valore simbolico per loro insoliti, come la Cerimonia dell'Alzabandiera e l'esibizione del coro delle Stelle Alpine.
Dimostrando sensibilità, partecipazione ed attenzione i ragazzi hanno ascoltato i discorsi istituzionali prima di abbracciare e congratularsi con le compagne vincitrici di due delle tre Borse di Studio istituite, le alunne Elena Stallone (classe III A) e Zaira Lucente (classe III B) “per l'impegno realmente vissuto, perché solo gli esempi concreti educano al senso civico”.
L'essere buoni cittadini “passa” anche dalla Scuola.

IMG 20190602 WA0012   IMG 20190606 WA0046  IMG 20190606 WA0047

 

Prof.ssa Rosanna Bertolino

 

 

 

 

 

 

La comunicazione in famiglia - Primo convegno per i genitori

 

 In data 9 maggio 2019, presso l’auditorium del Polo liceale Amaldi di Bitetto, si è svolto il primo convegno con e per genitori, nato dall’esigenza espressa dalla Dirigente dell’Istituto comprensivo Cianciotta-Modugno e dai componenti del suo staff, di riportare al centro di un dibattito scuola e famiglia, due realtà complesse ma legate indissolubilmente.

L’iniziativa è nata dalla necessità di affrontare insieme alle famiglie un percorso comune al fine di creare un circuito comunicativo-relazionale positivo che aiuti realmente i ragazzi e i loro genitori in questa particolare fase della crescita e dopo aver somministrato un questionario ai genitori delle classi quinte di scuola primaria e prime di scuola secondaria. Dall’elaborazione dei dati del suddetto questionario è risultato che l’organizzazione di incontri tematici e corsi di formazione rivolti ai genitori ha trovato riscontro decisamente positivo relativamente alle tematiche inerenti le problematiche adolescenziali.
Nel corso del convegno i relatori, ognuno con la propria specificità, hanno affrontato tematiche importanti per la crescita dei ragazzi quali il delicato ruolo genitoriale in una società in continuo divenire, il rapporto dialogico tra le due comunità educanti scuola e famiglia, il rapporto dei giovani e delle famiglie con il mondo dei social.
Interessante anche un gioco di relazione condotto da una relatrice con la platea dei presenti per il recupero di un contatto emotivo con l’altro, che ha portato alla produzione di un cartellone sul quale sono state scritte d’impeto parole relative alle emozioni provate dopo aver stabilito una semplice relazione col ...vicino.
Nonostante gli sforzi organizzativi dell’Istituto per la realizzazione di questa importante iniziativa, la partecipazione dei genitori non è stata massiva, come ci si aspettava, di contro alcuni presenti hanno non solo espresso pareri positivi sulle relazioni ascoltate, ma hanno manifestato il desiderio di partecipare nuovamente ad iniziative simili.
Per questo e, sempre permeati dal desiderio di creare spunti di riflessione sulla condivisione di buone pratiche educative, le funzioni strumentali insisteranno sull’organizzazione di incontri tematici e su un maggior coinvolgimento delle famiglie.

convegno genitorialita 1   convegno genitorialita 2

 

Le Funzioni strumentali area 4
dott.ssa Claudia Colabelli Gisoldi
prof.ssa Mariateresa Squicciarini

 

 

 

 

 

Manifestazione celebrativa della liberazione

 

Anche quest’anno, in occasione della celebrazione della Liberazione, si è svolto il corteo promosso dall’amministrazione comunale, a cui hanno partecipato diverse associazioni del territorio e le classi quinte A ed F dell’Istituto Comprensivo Cianciotta-Modugno, accompagnate dalle loro insegnanti, dalle referenti della commissione di cittadinanza, e dai rappresentanti del Consiglio Comunale dei ragazzi.
Il corteo, partito dal Municipio, si è diretto verso la chiesa della Benedetta dove è collocata una stele in memoria di quanti hanno sacrificato la loro vita per la libertà del paese.
Dopo l’intonazione di alcuni brani da parte di un complesso bandistico, alcuni alunni del nostro Istituto e i rappresentanti del Consiglio comunale dei ragazzi hanno letto brani dedicati agli uomini e alle donne che, con il loro sacrificio, hanno scritto la storia del nostro Paese.
La partecipazione dei ragazzi a questa manifestazione dimostra che l’Istituzione scolastica, è riuscita a diffondere nell’animo dei futuri cittadini, sentimenti di appartenenza, di solidarietà, di cura del proprio ambiente e di speranza per la creazione di una società civile a misura d’uomo.

25 aprile 1  25 aprile 2 

 

                                                                                                                                                                      Le referenti

Commissione Cittadinanza e Costituzione

 

 

 

Il volontariato "in mostra"

 

Nella seconda settimana di Marzo, nel plesso “G. Modugno” del nostro Istituto Comprensivo è stata allestita una mostra fotografica a cura delle associazioni Fratres ed Emervol di Bitetto che, attraverso manifesti cartonati e poster fotografici hanno immortalato le molteplici attività svolte dai volontari.

L’esperienza “visiva” si è conclusa venerdì 15 marzo con un incontro di sensibilizzazione rivolto agli alunni delle classi terze durante il quale si è sottolineata, tra l’altro, l’importanza della donazione del sangue, un gesto di grande generosità e altruismo, che permette di salvare la vita di molte persone. La donazione è un atto volontario, protetto dall’anonimato e gratuito. I requisiti per donare sono pochi ma fondamentali: avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni e un peso superiore ai 50 chili; avere la pressione arteriosa che rientra nei normali parametri; essere in buona salute e condurre una vita sana. Queste le indicazioni ricevute dai volontari della Fratres, l’associazione nazionale di ispirazione cristiana che da anni è attiva in questo campo.

Un’altra importante associazione di volontariato è l’Emervol, i cui membri sono impegnati nelle operazioni di primo soccorso sanitario. Dopo la breve ed incisiva presentazione del Presidente dell’associazione, noi ragazzi ci siamo cimentati nella messa in atto di manovre salvavita su appositi manichini a grandezza reale, seguendo le preziose indicazioni fornite dagli esperti.

 soccorso1 rid  soccorso2 min

Questa esperienza è riuscita, nella sua semplicità, a farci riflettere e, nel contempo, a prendere consapevolezza del valore della gratuità: chi riceve aiuto è più propenso a fare qualcosa per gli altri, una volta diventato adulto. Coinvolgendo nel mondo del volontariato i giovani, si può contribuire a migliorare il nostro futuro. Cambia la prospettiva: si comprende cosa conta davvero nella vita e si vive in modo più semplice e autentico. Insomma, impegnare il nostro tempo in questo modo fa bene agli altri e a noi stessi perché si allena il muscolo più importante: il cuore.

GLI ALUNNI DELLE CLASSI TERZE

 

 

 

"La scuola che ho in mente": incontro con il sindaco

MERCOLEDI’ 27 MARZO 2019: fervono i preparativi nell’androne del plesso “Modugno” in attesa del Sindaco, dott.ssa Pascazio Fiorenza, dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, dott. De Benedictis Giulio e del responsabile dell’Ufficio tecnico del comune di Bitetto, dott. Nunziante Vittorio. Ospiti speciali e, allo stesso tempo, tanto attesi dagli alunni che, per l’occasione, hanno preparato diversi quesiti circa la prossima realizzazione del nuovo edificio scolastico. Diverse le curiosità che attendono risposte da parte degli amministratori locali e dei responsabili di questo ardimentoso progetto. La cronaca dell’incontro è stata affidata alla penna degli alunni partecipanti che, con abile maestria, hanno dettagliatamente narrato questa mattinata all’insegna del confronto e dello scambio generoso e rispettoso di idee. La parola, dunque, ai nostri giovani cronisti.

 “L’incontro ha avuto inizio con la calorosa e rispettosa accoglienza degli intervenuti da parte di noi alunni. Successivamente, il vicepreside, prof. Lanzisera Onofrio, ha introdotto il dibattito, sottolineando l’importanza della collaborazione Scuola-Amministrazione, finalizzata a coinvolgere noi alunni, principali fruitori della nuova scuola. La referente del progetto, prof.ssa Squicciarini Maria Teresa, ha esplicitato la relazione tra il percorso progettuale sulla raccolta differenziata e quello relativo al nuovo edificio scolastico, accomunati da uno stesso fine: il rispetto e la cura dell’ambiente. L’ambiente è la casa di tutti: questa la premessa espressa chiaramente dal Sindaco per cui tutti siamo invitati a prendervi parte con idee, suggerimenti, risorse, proposte ed anche critiche, purchè costruttive. Il nome della futura scuola? GREEN SCHOOL.” (CLASSE I F)

“Noi siamo stati i primi ad “interrogare” il Sindaco su diversi aspetti inerenti il progetto della nuova scuola: quale la sua ubicazione e il suo orientamento spaziale, quali i materiali da impiegare in un’ottica ecosostenibile, quale la sua dotazione dal punto di vista tecnologico ed impiantistico. Il sindaco, soddisfatto e meravigliato dal nostro intervento, ha affermato che molte idee da noi suggerite sono realmente presenti nel progetto. Queste sue parole ci hanno riempiti di gioia. Abbiamo, inoltre, visionato un video realizzato dal nostro compagno di classe Federico contenente un messaggio molto forte: è auspicabile una scuola che valorizzi le diversità di ognuno e favorisca la crescita di tutti in armonia. Il sindaco si è congratulato per la nostra partecipazione poiché abbiamo dimostrato di essere cittadini attivi”. (CLASSE I A)

 “Il Sindaco ha precisato che, per la realizzazione di tale opera, il Ministero della Pubblica Istruzione ha finanziato il Comune di Bitetto con la somma di circa un milione e mezzo di euro. Ci è stato riferito che l’edificio sarà collocato in una zona pianeggiante del paese, nei pressi del liceo Amaldi. La nuova scuola sarà ben illuminata, circondata dal verde e avrà apposite rastrelliere per biciclette in modo da incentivare il loro utilizzo e ridurre l'inquinamento atmosferico dovuto all'uso eccessivo delle automobili. La nuova struttura sarà alimentata da energia solare attraverso pannelli fotovoltaici; l'acqua verrà reimpiegata grazie ad un sistema di raccolta di acque piovane in vasche sotterranee; anche il sistema d'areazione sarà sostenibile. Nell'androne ci saranno panchine disposte circolarmente in modo da permettere la comunicazione e lo scambio di idee tra noi alunni. Si prevedono aule spaziose e comode; le finestre avranno vetri oscuranti per evitare l'utilizzo di tende e gli arredi saranno in plastica riciclata”. (CLASSE II D)

 “La nostra scuola sarà la prima in tutto il Sud Italia ad essere completamente ecologica e riconosciuta come edificio N-ZEB, capace cioè di ottenere un rapporto fra energia consumata ed energia prodotta prossimo allo zero. L’edificio sarà distribuito su un unico piano ed ogni aula avrà un affaccio sull’area esterna. Il legno con cui sarà costruita la scuola avrà proprietà antisismica e sarà raccolto da foreste certificate: questo avrà durata maggiore (circa cento anni) rispetto a quelli attualmente in uso come il cemento, il calcestruzzo, ecc. La scuola sarà dotata di laboratori polifunzionali e di una biblioteca concepita secondo i modelli europei. Non mancheranno spazi di aggregazione che favoriranno la comunicazione e il confronto tra noi”. (CLASSE I B)

 “Il nuovo edificio scolastico, antincendio e antisismico, sarà realizzato con un legno chiamato Xlam, proveniente da foreste certificate la cui caratteristica è quella di essere ecosostenibile: per ogni albero sradicato ne sarà piantato un altro. Le aule saranno dotate di lavagne LIM e banchi ergonomici”. (CLASSE II B)

 “A noi è toccato il compito di presentare due plastici che rappresentavano due palestre, realizzate in scala da alcuni alunni della nostra classe. Abbiamo sottolineato l’impiego di materiali riciclati nei due modellini nei quali, ad esempio, per le due porte, abbiamo impiegato legno e fibre vegetali, mentre le linee dei campetti sono state tracciate con vernici ecologiche”. (CLASSE II C)

 “Arrivato il nostro turno, abbiamo illustrato la nostra idea di scuola ecosostenibile, presentando i cartelloni realizzati per l’occasione. Essa non può prescindere dal risparmio dell’energia elettrica e dalla riduzione delle fonti di inquinamento. Nel nostro intervento, abbiamo ribadito l’importanza della raccolta differenziata. E’ stata una giornata indimenticabile e ne attendiamo gli esiti con euforia”. (CLASSE I D)

 “Per la prima volta degli alunni hanno partecipato attivamente ad un incontro con il Sindaco; vorremmo che questo accada più spesso. Il confronto ci è sembrato utile ed interessante, anche perché avevamo affrontato in classe l’argomento relativo alla scuola ecosostenibile, leggendo un’intervista a Renzo Piano e riflettendo sui comportamenti che noi cittadini dobbiamo adottare in difesa dell’ambiente”. (CLASSE II A)

 “Un punto da chiarire è che la nuova scuola non sostituirà quella attuale, ma le sarà di supporto, dal momento che non è sufficiente ad ospitare tutti gli alunni. Noi ragazzi siamo davvero felici che questa scuola sarà progettata e realizzata in modo ecosostenibile, anche se non saremo noi a frequentarla: potranno farlo i nostri fratelli e sorelle, i nostri figli, i nostri nipoti e questo ci basta. Questo incontro/dibattito con il Sindaco e gli amministratori è stato positivo ed entusiasmante dal momento che ci siamo adeguatamente preparati con letture di approfondimento e lavori di gruppo, senza mai annoiarci. Questa è la scuola che ci piace: ecosostenibile e laboratoriale!”. (CLASSE II E)

 “Il Sindaco ha evidenziato che Bitetto è un paese virtuoso dal punto di vista ecologico. Si pratica da tempo la raccolta differenziata e, in alcuni angoli della città, da qualche mese, si possono scorgere postazioni di rifornimento per le auto elettriche.

E’ stato bellissimo confrontarsi, esprimere idee ed opinioni e suggerire agli intervenuti le nostre proposte. Come ribadito dalla dott.ssa Pascazio prima dei saluti finali, le idee esposte da noi ragazzi sono state interessanti e allo stesso tempo costruttive. E’ bello pensare alla scuola non solo come luogo di acquisizione di saperi, ma anche, e soprattutto, come luogo di crescita, di confronto, di espressione culturale e di creatività. La partecipazione a questo dibattito è stata davvero molto interessante e coinvolgente poiché ha fornito a noi ragazzi, futuri cittadini, spunti di riflessione e motivazioni per attivarci nella realizzazione di un futuro migliore, rispettoso dell’ambiente in cui viviamo e che sarà il mondo che erediteranno le future generazioni. (CLASSE I E)

intervista1 intervista2

 

                                                                                                   PROF.SSA SQUICCIARINI MARIA TERESA

                                                                                              FUNZIONE STRUMENTALE AREA 4

 


 

 

Adotta una Pigotta e...Salva una Vita

 

Anche quest’anno nell’ambito delle manifestazioni natalizie ed in concomitanza con un evento organizzato dai cinquenni della scuola dell’Infanzia, con lo slogan "Adotta una Pigotta e ....... Salva una Vita", il nostro Istituto Comprensivo C. Cianciotta – G. Modugno, in data 17 Dicembre 2018, presso il polo liceale Amaldi, ha proposto la vendita di 50 Pigotte, magistralmente ideate da un gruppo di genitori di Scuola dell'Infanzia e delle classi prime di scuola Primaria e Secondaria.

Le bambole di pezza sono state collocate su una struttura circolare (realizzata da alcuni genitori) con al centro ubicato un mappamondo senza confini, come auspicio per un mondo di tutti e per tutti.

La manifestazione che ha visto coinvolte diverse mamme impegnate anche nella vendita, ha confermato la solidarietà e l'impegno a favore dell'infanzia dimenticata dell’intera comunità.

Infatti sono stati raccolti € 1.000,00, già inviati al Centro Regionale Unicef.

bonifico foto pigotte min 

Per la realizzazione di questo evento, un caloroso ringraziamento è rivolto alla Dirigente Scolastica Carla Ambrosio, all’ins. Claudia Colabelli Gisoldi in qualità di referente Unicef, a tutte le insegnati delle classi coinvolte nonché a tutto il personale scolastico che ha offerto il suo contributo organizzativo.

 

                                                                                                                               Maria TURITTO

coordinatrice gruppo genitori

 

 


 

 

PRIMO INCONTRO PROGETTO IRIS

Raccolta differenziata

 

Giovedì 06 dicembre 2018, gli alunni delle classi seconde della secondaria hanno partecipato al primo, dei due incontri, di formazione proposto dalla cooperativa IRIS per il progetto ARO BA2 anno 2018-19 “Campagna di comunicazione-Raccolta differenziata porta a porta”.

    progetto iris dicembre 2018 new

 L‘intervento è stato condotto dal sig. Antonello Palmisano, esperto nel settore ambientalistico da circa quindici anni.

Inizialmente, attraverso video-proiezioni, si è riflettuto insieme su quanto sia importante la raccolta differenziata per l’ambiente e quindi per la nostra salute. Infatti, non differenziando i rifiuti, questi ultimi finiscono nell’ambiente “intossicandolo” e di conseguenza danneggiando la nostra salute.

Successivamente, è stato proposto un gioco di simulazione a squadre: per ogni lettera dell’alfabeto bisognava individuare una parola corrispondente ad una soluzione semplice e funzionale per il riciclo e la differenziazione dei rifiuti.

L’incontro è terminato con assegnazioni di compiti per ciascuna classe predisposti in una checklist. Ogni classe è stata suddivisa in quattro gruppi (squadra bianca, gialla, blu e verde), ciascuno dei quali dovrà gestire un settore del proprio ambiente classe, dall’uso intelligente delle luci, al mantenere in ordine i banchi, al controllo della corretta differenziazione dei rifiuti negli appositi contenitori.

L’attività svolta è stata interessante ed interattiva ed ha permesso di cogliere il senso di responsabilità che ognuno di noi ha nei confronti di sé stesso, degli altri e dell’ambiente.

È così che si forma il cittadino partecipe e attivo.

Gli alunni del CCR (classi seconde)

 

 

 


 

 

CERIMONIA COMMEMORATIVA DEL 75° ANNIVERSARIO RESISTENZA BITETTESE

BITETTO 9 settembre 1943

 

Il Consiglio Comunale dei ragazzi del nostro Istituto a seguito del cordiale invito del Sindaco avv.to Fiorenza Pascazio, Domenica 9 settembre 2018 in occasione del 75° Anniversario della Resistenza Bitettese, ha partecipato alla annuale manifestazione.

Una ricorrenza importante per la quale la nostra Città è stata insignita della medaglia d’Oro al Merito Civile, un’opportunità soprattutto per i più giovani per riflettere sul valore civile e culturale che racchiude il termine “Resistenza”, in particolare quella sommersa, taciuta e spesso dimenticata, ma spontanea così come si manifestò nella nostra regione, la Puglia e nello specifico a Bitetto.

Il corteo a cui hanno preso parte le Autorità, i rappresentanti delle Istituzioni, delle Associazioni culturali e militari è partito da Piazza A. Moro e attraversando via Beato è giunto presso “La Benedetta” per la commemorazione dei Caduti della Resistenza Bitettese. Successivamente il corteo ritornato in piazza ha assistito allo scoprimento dell’epigrafe commemorativa dedicata ubicata sulla facciata del Palazzo di città, alla presenza della presidente dell’A. N. P. I. di Gorizia, prof.ssa Anna Di Giannantonio, del coordinatore regionale A. N. P. I. Puglia, prof. Ferdinando Pappalardo e delle Autorità cittadine.

75 resistenza bitettese CCR 1           75 resistenza bitetto CCR 

La cerimonia si è conclusa presso la Sala Consiliare dove gli intervenuti hanno dibattuto sul tema “Resistenza organizzata e spontanea per la Liberazione dal nazifascismo”.

Le referenti del CCR

Prof.ssa Turchiano A. C.

Ins.te Coscia T.

 

 

 

 

 

 

ANNO SCOLASTICO 2017 - 2018

 

  Il 17 maggio 2018: per non dimenticare...il sacrificio di un nostro concittadino

 

 


Il 17 maggio 2010 il nostro paese viveva momenti di angoscia nell’apprendere dai notiziari che, ad opera di terroristi, un nostro soldato il Caporal maggiore Luigi Pascazio durante una missione di pace, aveva perso la vita in un attentato ad Herat in Afganistan.
Ogni anno per l’anniversario della sua morte la famiglia, le istituzioni civili, religiose e militari lo ricordano con una marcia della pace che, anche quest’anno ha visto impegnati gruppi di alunni del nostro Istituto, ognuno caratterizzato da specificità diverse: la classe quarta sezione D che accoglie la nipotina del Caporale, la quinta sezione E condotta dall’insegnante del Caporale, il Coro istituzionale e il Consiglio Comunale dei Ragazzi.
Durante la celebrazione della Santa Messa il Coro istituzionale ha intonato dei brani molto apprezzati dai presenti e soprattutto dalla famiglia che ha ringraziato i bambini esortandoli a non dimenticare e a diffondere i valori di pace, lealtà e sacrificio, il sindaco del CCR ha ricordato il soldato invitando i giovani a riflettere sul valore di quelle divise e sullo spirito di sacrificio che rappresentano.

soldato Pascazio 2018 1   soldato Pascazio 2018 2


Il momento più commovente, dopo la celebrazione. è stato quello dell’alzabandiera avvenuto nella pineta comunale, ove è ubicata una stele in memoria del Caporal Maggiore, durante il quale il Sindaco Fiorenza Pascazio ha rivolto una preghiera di fronte alla corona d’alloro, posta sotto la stele commemorativa.
Gli alunni del Coro del nostro Istituto Comprensivo, insieme a tutti i presenti, hanno intonato l’inno di Mameli nel momento in cui la nipotina del Caporale Pascazio ha liberato dei palloncini che rappresentavano il Tricolore.

                                                                                                                     La Funzione Strumentale area 4
                                                                                                                     dott.ssa Claudia Colabelli Gisoldi

 

 


 

 

 

 Il 70° compleanno della Costituzione Italiana

 

Nell’ambito delle varie attività previste dal nostro istituto comprensivo per commemorare il 70° anniversario della nostra Costituzione, il dipartimento di lettere ha organizzato, presso la sede della secondaria di primo grado, il giorno 14 Maggio alle ore 17:00, un incontro formativo rivolto agli alunni delle classi seconde e terze. E’intervenuto come relatore dell’incontro il primo Maresciallo dell'Aeronautica italiana Maurizio Loragno che ha spiegato ai ragazzi come è nata la nostra Costituzione con competenza, schiettezza e passione.

 70 costituzione 3  70 costituzione 2  


Il dott. Loragno ha catturato l’attenzione dei presenti da buon comunicatore e formatore, ma soprattutto conoscitore della legge fondamentale del nostro stato, la Costituzione, base di tutto.
Il momento è stato un significativo approfondimento e ha avuto un positivo riscontro sulla formazione dei nostri alunni.
Ringraziamo nuovamente il Primo Maresciallo Maurizio Loragno e ci complimentiamo per la prestigiosa onorificenza di Cavaliere della Repubblica di cui è stato appena insignito.

 

                                                                                                         La referente alla cittadinanza per la secondaria
                                                                                                             Prof.ssa Angela Chiara Turchiano

 

 

 

 

 

 

 

MANIFESTAZIONE 25 APRILE

 

 

In occasione della manifestazione celebrativa della Liberazione, promossa sul territorio, le classi quinte B e C di scuola primaria del nostro Istituto e il Consiglio comunale dei ragazzi, accompagnati dalle loro insegnanti e dalle referenti del progetto cittadinanza, hanno partecipato al corteo organizzato dall’Amministrazione Comunale per commemorare quanti hanno sacrificato la loro vita per rendere libero il nostro paese.
Alla manifestazione erano presenti anche associazioni civili e militari, nonché un complesso bandistico che ha accompagnato la cerimonia con alcuni brani.
Rievocando l’epopea della Resistenza di 73 anni fa, gli alunni del nostro Istituto e i rappresentanti del Consiglio comunale dei ragazzi hanno omaggiato, leggendo alcuni brani dedicati, gli uomini e le donne che hanno lottato e, talvolta pagato con la propria vita, per la libertà del Paese.

 

25 aprile 2018 1 25 aprile 2018 2


L’intento, per l’appunto, è stato quello di diffondere sentimenti di amore e pace verso la propria terra, di difesa delle istituzioni, di solidarietà verso gli altri e di speranza per la costruzione di un mondo migliore.

 

 

                                                                                                     Ins. Claudia Colabelli Gisoldi
                                                                                                 (Commissione Cittadinanza e Costituzione)

 

 

 

2018 ANNO DELL'UGUAGLIANZA E DELLE DISCRIMINAZIONI RAZZIALI

 

 

 

Nell’ambito delle iniziative per “Il Mese della Memoria”, organizzato dall’associazione Presidi del Libro e promosso dalla regione Puglia Assessorato Industria Turistica e Culturale con il patrocinio del Comune di Bitetto, in collaborazione con gli assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, gli alunni dell’istituto comprensivo “Cianciotta Modugno” hanno attivamente partecipato a ricordare per non dimenticare la vergogna delle leggi antisemitiche e razziste che hanno coinvolto l’Europa in passato. Il 2018 è stato proclamato “Anno dell’Uguaglianza e della lotta alle discriminazioni razziali” e attraverso la memoria, il ricordo si possono conoscere gli orrori delle persecuzioni affinché sia monito per sempre dell’affermazione della libertà e della dignità della persona.
Si sono susseguiti vari momenti di riflessione e condivisione.
Martedì 06 e 20 febbraio gli alunni delle quarte e quinte classi della scuola primaria hanno incontrato l’autrice del libro “STELLE DI STOFFA” prof.ssa Anna Baccelliere. L’incontro è stato curato dalle docenti delle interclassi quarte e quinte.

 

MESE MEMORIA 1

 

La scrittrice ha offerto ai giovani lettori un racconto sulla Shoah dai tratti realistici ma non cruenti. Attraverso la storia di Alice e Noha la scrittrice descrive la quotidianità nei ghetti e nei campi di concentramento senza drammaticità, offrendo ai bambini della scuola primaria un valido strumento per conoscere la tragica vicenda della Shoah. In particolare nel Giorno della Memoria.

Entusiasmante momento per gli alunni che hanno tempestato l’autrice di domande alle quali la professoressa ha con maestria risposto lasciando nei loro cuori una maggiore consapevolezza.

I ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado l’8 febbraio hanno partecipato ad un momento di riflessione e approfondimento sul tema “Leggi razziali, campi di concentramento, e campi profughi in Puglia”, curato dal Dipartimento di lettere. Sono interventi alcuni rappresentanti tra i Ricercatori dell’istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea: il prof. Vito Antonio Leuzzi, il prof. Pellegrino, il prof Muciaccia e la preziosa testimonianza storica del Cav. Gennaro Dammacco. 

Il momento ha offerto ad alunni e docenti vari spunti di approfondimento su una tematica spesso creduta lontana dal nostro territorio, dalla nostra regione ma, che viene testimoniata e documentata dai sopravvissuti.
Inoltre, i relatori hanno argomentato sulla capacità della nostra regione, la Puglia, di segnare una sua presenza operosa nello scacchiere geopolitico del Mediterraneo nei momenti più significativi rappresentati da crisi e da conflitti.
In particolar modo dopo l’8 settembre 1943 la Puglia per prima manifestò questo suo spirito di accoglienza a ex internati, rifugiati, sfollati di diverse nazionalità, ebrei e slavi confermando nei pugliesi una vocazione storica e geografica al dialogo con i popoli.

MESE MEMORIA 2

 Altro momento significativo si è svolto giovedì 22 febbraio. Nel 70° Anniversario della Costituzione Italiana, gli alunni del Consiglio Comunale dei Ragazzi del nostro istituto con la partecipazione del Coro Istituzionale diretto dalla docente Racanelli, si sono riuniti nella Sala Consiliare del Comune di Bitetto. Il tema “Il Diritto alla Memoria e il Dovere di Ricordare”, è stato il punto focale del consiglio. Le docenti referenti alla cittadinanza, la prof.ssa Turchiano e l’insegnante Coscia hanno guidato i ragazzi in un percorso di riflessione sulla tematica a partire dalla nostra “Carta Costituzionale”, di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario, vista come “antidoto indispensabile contro la macchia indelebile delle leggi razziali”, probabili rigurgiti di antisemitismo, odio e fanatismo violento.
La rinuncia o meglio il rifiuto dei cittadini di assumersi la responsabilità di vigilare e lottare in difesa della propria libertà diventa elemento fondamentale e indispensabile per la nascita, la crescita e il trionfo di ogni dittatura.
Durante le dittature in Europa i cittadini chiusero gli occhi e accettarono/subirono passivamente le sempre più estese e violente persecuzioni contro intere categorie di persone.
Attraverso le letture di poesie, brani, riflessioni, commenti, alla presenza del nostro sindaco avv.to Fiorenza Pascazio e degli assessori alla Pubblica Istruzione dottor Giulio De Benedictis e l’assessore alla Cultura prof.ssa Luisa Palmisano, i ragazzi del CCR e i ragazzi del coro hanno dato vita ad un intenso momento di cittadinanza attiva e consapevole. 

MESE MEMORIA 3 MESE MEMORIA 4

A conclusione del percorso educativo dedicato al “Mese della Memoria”, gruppi di alunni delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado, hanno assistito alla rappresentazione teatrale “L’ISTRUTTORIA” di Peter Weiss, adattamento scenico della prof.ssa Clementina Silecchia, regia Michele Bia presso l’auditorium “A. Di Bono- Bruscella” del Polo Liceale “E. Amaldi”.
Spettacolo che ha contribuito a rafforzare la coscienza civica dei nostri ragazzi e a prendere le distanze da tutto ciò che ha caratterizzato in negativo il nostro passato storico, un comandamento morale a cui nessuno di noi può sottrarsi. Ricordare è tenere ben presente a cosa è riuscito ad arrivare l’uomo, a quali abissi di degradazione morale e ingiustificabile frenesia omicida.

MESE MEMORIA 5

 

                                                                                                                           Prof.ssa Angela Chara Turchiano

(Commissione Cittadinanza e Costituzione)

 

 

 

 

 


 

 

ANNO SCOLASTICO 2016 - 2017

 

 

 

 

 

RACCOLTA DIFFERENZIATAPORTA A PORTA

 

 

 

Il progetto “RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA”, promosso dal Comune di Bitetto in partenariato con la cooperativa IRIS, è finalizzato a stimolare negli alunni del nostro Istituto Comprensivo che ha aderito all’iniziativa l’insorgere del senso d'appartenenza al territorio e ad acquisire comportamenti consapevoli in qualità di futuri cittadini. L’educazione ambientale, in questo senso, risulta particolarmente importante per spronare i ragazzi e, di conseguenza, le famiglie, al consumo e all’impiego responsabile delle risorse.

 

Di seguito le linee guida del percorso:
• trasmettere informazioni sulle metodologie di raccolta differenziata porta a porta;
• far conoscere il funzionamento del ciclo dei rifiuti;
• far diventare i più giovani “testimonial” della difesa ambientale.


Il progetto prevede l’intervento di esperti che, attraverso strategie diversificate, supporteranno gli alunni cinquenni della Scuola dell’Infanzia, le classi prime, seconde e terze della Primaria e gli studenti della Scuola Secondaria (classi prime e seconde).

Le attività di laboratorio ludico-manipolativo e i lavori di gruppo -sondaggi, rilevazioni e analisi statistiche dei dati - vedranno gli studenti protagonisti attivi del percorso opportunamente strutturato in relazione all’età dei partecipanti.

 

A conclusione del progetto, si prevede una festa finale di piazza (ECODAY) nel corso della quale saranno esposti i giocattoli realizzati dai più piccoli con l’uso di materiali da riciclo e verranno premiate le Campagne Pubblicitarie più originali realizzate dai ragazzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 ANNO SCOLASTICO 2015 - 2016

 

 

Concorso “AFFIDIAMOCI ANCORA” - Manifestazione Finale

 

  

 

  Serata ricca di emozioni vissuta l’8 giugno 2016 presso l’edificio scolastico “Carlo      Cianciotta”, durante la quale gli alunni delle classi terze di scuola primaria sezz. B-C e di    classe 2^ sez. B di scuola secondaria di 1° grado sono stati i fantastici protagonisti della  manifestazione finale “IN VOLO VERSO L’AMORE” relativa al Concorso “Affidiamoci ancora”,   promosso dal Comune di Bitetto e dalle associazioni MAMA HAPPY, Centro Servizi Famiglie  Accoglienti, EMPEA e l’ABBRACCIO, in paternariato con l’ambito territoriale BARI 10   (Modugno, Bitetto e Bitritto).

 L’obiettivo principale è stato quello di diffondere una cultura dell’accoglienza e della  solidarietà  per sensibilizzare gli alunni e le loro famiglie; entrambi hanno assunto una maggiore  consapevolezza che è possibile, in vari modi, aiutare un bambino che vive una situazione familiare  problematica: uno di questi, forse quello che richiede più coraggio da parte dei genitori affidatari, è  proprio l’affido, un percorso che arricchisce tutte le persone coinvolte e genera un cambiamento  positivo in tutti i contesti in cui viviamo...a casa, a scuola, al lavoro, tra gli amici.

  L’incontro con la famiglia Cavalluzzi, che sta vivendo questa realtà e la sua testimonianza diretta hanno permesso ai nostri alunni di conoscere ancora meglio un’esperienza esistenziale significativa e la concreta possibilità di aiutare bambini in difficoltà. 

      

Vari sono stati i laboratori espressivi realizzati: musicali, grafico-pittorici, di scrittura creativa...attraverso i quali i piccoli delle classi terze hanno rappresentato, in modo originale e creativo, il loro interesse verso questa realtà di accoglienza e di amore dando vita ad una favola in cui hanno espresso, in modo semplice, attraverso i disegni e i fumetti, la loro sensibilità verso bambini meno fortunati. 

Una riflessione di Italo Calvino, tratta da “Le città invisibili”, ha ispirato i lavori dei ragazzi della scuola media, che si sono cimentati in varie forme d’espressione: pittorica, musicale e letteraria, accompagnate ciascuna da lavori multimediali. In particolare con “Amore in rap”, la canzone scritta e interpretata da loro, e con la poesia “Amore in rime”, essi sono riusciti a spiegare con semplicità la realtà dell’affido, miracolo d’amore che riesce a mettere fine all’inferno della vita.

    

 

Un grazie speciale alla nostra Dirigente, dott.ssa Carla Ambrosio, che ci ha dato la possibilità di lavorare insieme e in sintonia, scuola primaria e scuola secondaria, perché il mondo è bello se si riesce a vederlo con gli occhi di tutte le età, con gli occhi di un bambino, di un ragazzo e con quelli di un adulto.    

     

Tutti noi...docenti, alunni, famiglie ringraziamo vivamente le associazioni promotrici del concorso “Affidiamoci ancora”, e l’Assessore al Welfare del Comune di Bitetto avv. Anna Rosa Clavelli per averci dato l’opportunità di vivere un’esperienza altamente educativa e formativa.

  

 

 

 

 

Una mattinata scolastica con i nostri genitori 

I ragazzi della I E, sabato 4 giugno, dalle ore 8:30 alle 10:00, hanno assistito nell’ampio corridoio della presidenza della Scuola secondaria alla proiezione del film francese “I Ragazzi del coro” (2004), alla cui visione sono stati invitati anche i genitori, accorsi numerosi, i quali successivamente hanno anche partecipato alla condivisione di emozioni, riflessioni e considerazioni sulle tematiche e sui personaggi della coinvolgente vicenda narrativa così ben rappresentata dal regista Christofer  Barratier

   

Opportunamente sollecitati da alcune stimolanti domande poste dalla docente di Materie letterarie, professoressa Santa MARTINO, e superate le prevedibili timidezze iniziali, ragazzi e genitori sono riusciti ad andare oltre l’inevitabile e scontato livello emozionale, cogliendo ed evidenziando con semplici osservazioni la rilevante valenza socio-pedagogica del film ed il suo notevole spessore e valore educativo. In particolare, fra i ragazzi, c’è stato qualcuno che ha portato all’attenzione dei presenti una frase che significativamente racchiude uno dei motivi conduttori della pellicola: “Mai dire mai, nella vita. C’è sempre qualcosa da tentare”. Infatti, unitamente ai temi dell’importanza del lavoro di squadra e del prendersi cura dell’altro (sia esso un amico, un compagno o – per un maestro - un alunno “da zero in condotta” ), il valore dell’impegno personale e la fiducia nelle proprie e altrui capacità sono gli altri due motivi conduttori sottesi a tutto l’interessante e avvincente  film,  proposto – e non a caso - dalla professoressa MARTINO al termine del primo anno del percorso triennale di crescita dei preadolescenti nella nostra scuola secondaria.

Al momento del congedo, i genitori - letteralmente entusiasti dell’iniziativa – hanno invitato e incoraggiato la docente a riproporre nuove occasioni di formazione e confronto per ragazzi e loro genitori: esse non potranno che influire positivamente sui rapporti interpersonali e sulle dinamiche di gruppo, favorendo anche quella collaborazione e “complicità educativa” da parte delle famiglie che la preside Carla AMBROSIO da anni promuove con attività e progetti di alto profilo formativo.

 

 

 

 

 

I nostri ragazzi incontrano la Costituzione

 

Nell’ambito del Progetto “Legalità”, il giorno 28 aprile, gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado "G.MODUGNO" hanno incontrato il dott. Maurizio Loragno e insieme a lui hanno "viaggiato" verso la Costituzione.

Sono partiti dai tempi dello Statuto Albertino, hanno poi attraversato il ventennio fascista, fino ad arrivare a quel 1° gennaio 1948, quando la nostra Costituzione è entrata in vigore.

 

La preparazione del relatore, accompagnata dalla sua simpatica dialettica, ha coinvolto i ragazzi, che hanno seguito con interesse, attenzione e partecipazione.

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANNO SCOLASTICO 2014 - 2015 

 

 

13 e 14 Dicembre 2014 - UNICEF "Vogliamo zero"

 

Nell’ambito del Progetto “Cittadinanza Attiva”, l'Istituto Comprensivo Statale "C. CIANCIOTTA –

G. MODUGNO" di Bitetto ha aderito alla campagna UNICEF "Vogliamo Zero", realizzando 100 Pigotte con il prezioso aiuto delle famiglie degli alunni.

Il Mercatino della Solidarietà per l'UNICEFche ha visto impegnati bambini e adolescenti, genitori e insegnanti, si è svolto nel Salone dell'ex Biblioteca comunale di Bitetto, sito in Piazza del Popolo, nei giorni 13 e 14 dicembre scorsi. 

Alla cerimonia di inaugurazione, è intervenuta la prof.ssa Silvana Calaprice, Vicepresidente nazionale dell'UNICEF, la Dott.ssa Carla Ambrosio, Dirigente scolastico dell'Istituto organizzatore, le docenti referenti del Progetto, Ins.te Tonia Coscia e la prof.ssa Luisa Palmisano.

 

 

 

 

 


 

 

 29 settembre 2014 - Festa del Santo Patrono e della Polizia di Stato

 Il 29 settembre, festa del santo patrono di Bitetto e della Polizia di Stato, il nostro Istituto scolastico ha partecipato alla solenne celebrazione, in onore dell'Arcangelo Michele, con gli alunni delle Classi Quinte e i ragazzi del Consiglio Comunale junior accompagnati dalle rispettive insegnanti e dalle docenti referenti per la Cittadinanza attiva.

 

 

2018 Anno dell’Uguaglianza

      e della Lotta alle Discriminazioni Razziali

Nell’ambito delle iniziative per “Il Mese della Memoria”, organizzato dall’associazione Presidi del Libro e promosso dalla regione Puglia Assessorato Industria Turistica e Culturale con il patrocinio del Comune di Bitetto, in collaborazione con gli assessorati alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, gli alunni dell’istituto comprensivo “Cianciotta Modugno” hanno attivamente partecipato a ricordare per non dimenticare la vergogna delle leggi antisemitiche e razziste che hanno coinvolto l’Europa in passato. Il 2018 è stato proclamato “Anno dell’Uguaglianza e della lotta alle discriminazioni razziali” e attraverso la memoria, il ricordo si possono conoscere gli orrori delle persecuzioni affinché sia monito per sempre dell’affermazione della libertà e della dignità della persona.

Si sono susseguiti vari momenti di riflessione e condivisione.

Martedì 06 e 20 febbraio gli alunni delle quarte e quinte classi della scuola primaria hanno incontrato l’autrice del libro “STELLE DI STOFFA” prof.ssa Anna Baccelliere. L’incontro è stato curato dalle docenti delle interclassi quarte e quinte. 

La scrittrice ha offerto ai giovani lettori un racconto sulla Shoah dai tratti realistici ma non cruenti. Attraverso la storia di Alice e Noha la scrittrice descrive la quotidianità nei ghetti e nei campi di concentramento senza drammaticità, offrendo ai bambini della scuola primaria un valido strumento per conoscere la tragica vicenda della Shoah. In particolare nel Giorno della Memoria.

Entusiasmante momento per gli alunni che hanno tempestato l’autrice di domande alle quali la professoressa ha con maestria risposto lasciando nei loro cuori una maggiore consapevolezza.

I ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado l’8 febbraio hanno partecipato ad un momento di riflessione e approfondimento sul tema “Leggi razziali, campi di concentramento, e campi profughi in Puglia”, curato dal Dipartimento di lettere. Sono interventi alcuni rappresentanti tra i Ricercatori dell’istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea: il prof. Vito Antonio Leuzzi, il prof. Pellegrino, il prof Muciaccia e la preziosa testimonianza storica del Cav. Gennaro Dammacco.

Il momento ha offerto ad alunni e docenti vari spunti di approfondimento su una tematica spesso creduta lontana dal nostro territorio, dalla nostra regione ma, che viene testimoniata e documentata dai sopravvissuti.

Inoltre, i relatori hanno argomentato sulla capacità della nostra regione, la Puglia, di segnare una sua presenza operosa nello scacchiere geopolitico del Mediterraneo nei momenti più significativi rappresentati da crisi e da conflitti.

In particolar modo dopo l’8 settembre 1943 la Puglia per prima manifestò questo suo spirito di accoglienza a ex internati, rifugiati, sfollati di diverse nazionalità, ebrei e slavi confermando nei pugliesi una vocazione storica e geografica al dialogo con i popoli.

Altro momento significativo si è svolto giovedì 22 febbraio. Nel 70° Anniversario della Costituzione Italiana, gli alunni del Consiglio Comunale dei Ragazzi del nostro istituto con la partecipazione del Coro Istituzionale diretto dalla docente Racanelli, si sono riuniti nella Sala Consiliare del Comune di Bitetto. Il tema “Il Diritto alla Memoria e il Dovere di Ricordare”, è stato il punto focale del consiglio. Le docenti referenti alla cittadinanza, la prof.ssa Turchiano e l’insegnante Coscia hanno guidato i ragazzi in un percorso di riflessione sulla tematica a partire dalla nostra “Carta Costituzionale”, di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario, vista come “antidoto indispensabile contro la macchia indelebile delle leggi razziali”, probabili rigurgiti di antisemitismo, odio e fanatismo violento.

La rinuncia o meglio il rifiuto dei cittadini di assumersi la responsabilità di vigilare e lottare in difesa della propria libertà diventa elemento fondamentale e indispensabile per la nascita, la crescita e il trionfo di ogni dittatura.

Durante le dittature in Europa i cittadini chiusero gli occhi e accettarono/subirono passivamente le sempre più estese e violente persecuzioni contro intere categorie di persone.

Attraverso le letture di poesie, brani, riflessioni, commenti, alla presenza del nostro sindaco avv.to Fiorenza Pascazio e degli assessori alla Pubblica Istruzione dottor Giulio De Benedictis e l’assessore alla Cultura prof.ssa Luisa Palmisano, i ragazzi del CCR e i ragazzi del coro hanno dato vita ad un intenso momento di cittadinanza attiva e consapevole.

A conclusione del percorso educativo dedicato al “Mese della Memoria”, gruppi di alunni delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado, hanno assistito alla rappresentazione teatrale “L’ISTRUTTORIA” di Peter Weiss, adattamento scenico della prof.ssa Clementina Silecchia, regia Michele Bia presso l’auditorium “A. Di Bono- Bruscella” del Polo Liceale “E. Amaldi”.

Spettacolo che ha contribuito a rafforzare la coscienza civica dei nostri ragazzi e a prendere le distanze da tutto ciò che ha caratterizzato in negativo il nostro passato storico, un comandamento morale a cui nessuno di noi può sottrarsi. Ricordare è tenere ben presente a cosa è riuscito ad arrivare l’uomo, a quali abissi di degradazione morale e ingiustificabile frenesia omicida.

Ultima modifica il Sabato, 13 Luglio 2019 17:46

Devi effettuare il login per inviare commenti
Vai all'inizio della pagina 

Informazioni principali: "Comunicazione ai sensi della Dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione."

Note: "L'uso del sito costituisce accettazione implicita dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser." Per saperne di piu'

Approvo